___Sostieni il Forum___
Ultimi argomenti
» Ciao a tutti
Ieri alle 21:26 Da MaX

» Voglio fare un bell raccolto
Ieri alle 6:25 Da Antunna

» inoculare su tronchi
Sab 20 Ott 2018 - 17:00 Da Antunna

» E possibile crederci??
Sab 20 Ott 2018 - 16:55 Da Antunna

» Pastorizzare in pentola a pressione
Sab 20 Ott 2018 - 16:45 Da MaX

» Ancora????
Gio 18 Ott 2018 - 19:47 Da Marco100

» Mi presento
Gio 18 Ott 2018 - 19:45 Da Marco100

» Ciao
Gio 18 Ott 2018 - 19:44 Da Marco100

» Polyporus tuberaster LA ‘PIETRA’ CHE GENERA FUNGHI "pietra fungaia"
Gio 18 Ott 2018 - 18:50 Da MaX

» Bello vivere ... di rendita!
Mer 17 Ott 2018 - 20:36 Da MaX

» Coltivazione tartufi
Mar 16 Ott 2018 - 6:33 Da Gerardo1978

» Saprofitta del saprofitta????
Dom 14 Ott 2018 - 8:27 Da Antunna

» Esperimento con pleurotus e caffè
Lun 8 Ott 2018 - 14:11 Da Antunna

» Ostreatus Albino Ferragostano
Dom 7 Ott 2018 - 8:59 Da Lonewolf

» Gironzolando nel bosco, prima del maledetto ventaccio! (1^parte)
Sab 6 Ott 2018 - 9:37 Da MaX

I postatori più attivi del mese
MaX
 
Antunna
 
Marco100
 
Valnic
 
Fratecipolla
 
Lonewolf
 
Gerardo1978
 
Oruam1959
 
Kataz
 
Ale73
 

I postatori più attivi della settimana
Antunna
 
Tony91
 
Lonewolf
 
Oruam1959
 
Marco100
 
MaX
 

Statistiche
Abbiamo 93 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Tony91

I nostri membri hanno inviato un totale di 8349 messaggi in 736 argomenti

ridurre i rischi

Andare in basso

ridurre i rischi

Messaggio Da Simone il Lun 15 Mag 2017 - 8:51

Buon giorno a tutti!! Vorrei riallacciarmi al discorso aperto si nell'altro post,  e cioè sulla commestibiltà dei pleurotus coltivati sul tarassaco. Più precisamente vorrei capire in che modo ( visto anche la difficoltà dell argomento ) in maniera semplice come possiamo evitare di contaminare i nostri substrati o i funghi involontariamente con sostanze con cui di solito abbiamo a che fare. Insomma, che materiali o sostanze potrebbero far diventare non più  genuini i nostri funghi. A che cosa dobbiamo fare attenzione a grandi linee!!  Grazie!! Thumbs up
avatar
Simone
*Utente*
*Utente*

Data d'iscrizione : 05.03.17
Età : 44

Torna in alto Andare in basso

Re: ridurre i rischi

Messaggio Da Antunna il Lun 15 Mag 2017 - 13:20

Gran bella domanda  amico mio  , vediamo di aprire un discorso che sicuramente interessa un pò tutti .per conto mio cercherei di non usare  legni o paglia colti in prossimità di strade per evidenti inquinamenti di idrocarburi e minerali pesanti tipo piombo.poi ,,,, ma!!!! Sentiamo altri pareri Thumbs up
avatar
Antunna
Utente Esperto
Utente Esperto

Data d'iscrizione : 05.03.17
Età : 64

Torna in alto Andare in basso

Re: ridurre i rischi

Messaggio Da Stefani_Sergio il Lun 15 Mag 2017 - 21:06

Giusto bella domanda interesserà certamente a tanti Thumbs up

Stefani_Sergio
Utente
Utente

Data d'iscrizione : 06.03.17
Età : 75

Torna in alto Andare in basso

Re: ridurre i rischi

Messaggio Da Terranera il Lun 15 Mag 2017 - 22:28

Argomento sempre attuale. Se il materiale non proviene da colture controllate c'è sempre il rischio che possa essere in qualche modo contaminato con il rischio che delle sostanze non gradite vengano assorbite dai funghi. Le soluzioni per porre rimedio a questo sono varie, la strada più sicura ma anche parecchio costosa sarebbe far analizzare un campione in laboratorio. Secondo me un buon compromesso sarebbe usare erba di campo selvatica (c'è molto materiale da sperimentare) raccolta lontana dalle zone coltivate per evitare alte concentrazioni di nitrati.

P.S. eviterei il pellet di qualsiasi tipo perché ci potrebbe essere di tutto ( dalla A allo zinco) .
avatar
Terranera
Utente
Utente

Data d'iscrizione : 15.03.17

Torna in alto Andare in basso

Re: ridurre i rischi

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum