___Sostieni il Forum___
Ultimi argomenti
» Ciao a tutti
Ieri alle 21:26 Da MaX

» Voglio fare un bell raccolto
Ieri alle 6:25 Da Antunna

» inoculare su tronchi
Sab 20 Ott 2018 - 17:00 Da Antunna

» E possibile crederci??
Sab 20 Ott 2018 - 16:55 Da Antunna

» Pastorizzare in pentola a pressione
Sab 20 Ott 2018 - 16:45 Da MaX

» Ancora????
Gio 18 Ott 2018 - 19:47 Da Marco100

» Mi presento
Gio 18 Ott 2018 - 19:45 Da Marco100

» Ciao
Gio 18 Ott 2018 - 19:44 Da Marco100

» Polyporus tuberaster LA ‘PIETRA’ CHE GENERA FUNGHI "pietra fungaia"
Gio 18 Ott 2018 - 18:50 Da MaX

» Bello vivere ... di rendita!
Mer 17 Ott 2018 - 20:36 Da MaX

» Coltivazione tartufi
Mar 16 Ott 2018 - 6:33 Da Gerardo1978

» Saprofitta del saprofitta????
Dom 14 Ott 2018 - 8:27 Da Antunna

» Esperimento con pleurotus e caffè
Lun 8 Ott 2018 - 14:11 Da Antunna

» Ostreatus Albino Ferragostano
Dom 7 Ott 2018 - 8:59 Da Lonewolf

» Gironzolando nel bosco, prima del maledetto ventaccio! (1^parte)
Sab 6 Ott 2018 - 9:37 Da MaX

I postatori più attivi del mese
MaX
 
Antunna
 
Marco100
 
Valnic
 
Fratecipolla
 
Lonewolf
 
Gerardo1978
 
Oruam1959
 
Kataz
 
Ale73
 

I postatori più attivi della settimana
Antunna
 
Tony91
 
Lonewolf
 
Oruam1959
 
Marco100
 
MaX
 

Statistiche
Abbiamo 93 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Tony91

I nostri membri hanno inviato un totale di 8349 messaggi in 736 argomenti

conservazione dello spawn

Andare in basso

conservazione dello spawn

Messaggio Da Simone il Gio 28 Dic 2017 - 20:26

Buona sera a tutti !! volevo sapere qual'è il metodo migliore per conservare lo spawn. Fino ad oggi ho sempre preparato lo spawn in dosi e nei tempi in modo da usufruirne il più rapidamente possibile , ma il tempo che avevo prima a disposizione non riesco più a ricavarmelo quindi come da foto dell'incubatore devo produrne quantitativi più abbondanti in modo di averne di una scorta pronta per l'uso. Sapevo che si teneva in frigo a 4/5 gradi , ma mi chiedevo se ci fosse qualche precauzione al livello di filtro tipo tenerlo disinfettato come per le lc . Se qualcuno ha metodi alternativi sono tutto orecchi !!!! GRAZIE A TUTTI BUONA SERATA !!! Shaking Hands Thumbs up
avatar
Simone
*Utente*
*Utente*

Data d'iscrizione : 05.03.17
Età : 44

Torna in alto Andare in basso

Re: conservazione dello spawn

Messaggio Da Antunna il Gio 28 Dic 2017 - 21:05

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ha scritto:Buona sera a tutti !! volevo sapere qual'è il metodo migliore per conservare lo spawn. Fino ad oggi ho sempre preparato lo spawn in dosi e nei tempi in modo da usufruirne il più rapidamente possibile , ma il tempo che avevo prima a disposizione non riesco più a ricavarmelo quindi come da foto dell'incubatore devo produrne quantitativi più abbondanti in modo di averne di una scorta pronta per l'uso. Sapevo che si teneva in frigo a 4/5 gradi , ma mi chiedevo se ci fosse qualche precauzione al livello  di filtro tipo tenerlo disinfettato come per le lc . Se qualcuno ha metodi alternativi sono tutto orecchi !!!! GRAZIE A TUTTI BUONA SERATA !!! Shaking Hands Thumbs up
Ciao Simone, la tua è una gran bella ed utile domanda.
Mantenere lo spawn a 4/5 gradi in frigo è giustissimo, ma,,,, le granaglie vengono continuamente agredite dal micelio, anche se i modo più lento e spesso mi sono trovato con i pin nel barattolo. Spero che giungano risposte utili alla risoluzione della tua domanda.     Don't know
avatar
Antunna
Utente Esperto
Utente Esperto

Data d'iscrizione : 05.03.17
Età : 64

Torna in alto Andare in basso

Re: conservazione dello spawn

Messaggio Da Lonewolf il Dom 31 Dic 2017 - 8:38

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ha scritto:Buona sera a tutti !! volevo sapere qual'è il metodo migliore per conservare lo spawn. Fino ad oggi ho sempre preparato lo spawn in dosi e nei tempi in modo da usufruirne il più rapidamente possibile , ma il tempo che avevo prima a disposizione non riesco più a ricavarmelo quindi come da foto dell'incubatore devo produrne quantitativi più abbondanti in modo di averne di una scorta pronta per l'uso. Sapevo che si teneva in frigo a 4/5 gradi , ma mi chiedevo se ci fosse qualche precauzione al livello  di filtro tipo tenerlo disinfettato come per le lc . Se qualcuno ha metodi alternativi sono tutto orecchi !!!! GRAZIE A TUTTI BUONA SERATA !!! Shaking Hands Thumbs up

Ciao a Simone, a Claudio e a tutti, non ho esperienza di conservazione di grossi quantitativi, ma per vasetti di 2-3 etti di spawn con filtro relativamente grande (foro di 16 mm nel tappo), inserisco il vasetto in una busta chiusa con materiale disidratante come il silica-gel o simili. Pian piano lo spawn si secca e il freddo del frigorifero contribuisce a conservarlo. Ho riattivato lo spawn due sole volte, senza incontrare particolari problemi; interessa molto anche a me conoscere altre esperienze in merito Ciao!
avatar
Lonewolf
**Utente**
**Utente**

Data d'iscrizione : 06.03.17

Torna in alto Andare in basso

Re: conservazione dello spawn

Messaggio Da MaX il Lun 1 Gen 2018 - 16:19

Io preferisco e naturalmente penso anche voi, utilizzare lo spwn fresco e colonizzato, al momento giusto.
Ma, capisco, che questo non è sempre fattibile, il tempo, soprattutto per chi svolge altre attività, è sempre tiranno e non è mai abbastanza!
Quindi, arrivando al dunque, posso dire che una tecnica molto valida è quella di portare ad essiccazione naturale le granaglie inoculate, direttamente nella busta o barattolo che sia, validissimo il consiglio di Luciano.

Un altra tecnica valida è di utilizzare una macchina per mettere sotto vuoto, con le adeguate buste inserire i bags o barattoli di spawn e fare il vuoto sigillando.

Conservare al buio a temperatura ambiente, intorno ai 19°C

Un saluto a tutti gli amici di TCF!! Thumbs up
avatar
MaX
Admin Fondatore
Admin Fondatore

Data d'iscrizione : 11.02.17
Età : 46

https://top-funghi.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: conservazione dello spawn

Messaggio Da Antunna il Mar 2 Gen 2018 - 20:28

Ciao Simone è ormai da alcuni giorni che  la tua domanda x la  conservazione  dello spawn  mi gira e rigira x la testa.
Le soluzioni prospettate  da Luciano e Max mi sembrano entrambe ottime.
Sarebbe comunque inportante sapere (in linea di massima) dopo  quanto (dalla sua preparazione) dovresti usarlo, perchè come dice giustamente Max  l'ideale sarebbe di usarlo fresco.
Comunque in frigo, (tutto il vaso) ben prottetto con la stagnola  si conserva abbastanza bene.
Come sai io conservo mono dosi di spawn in piastre ben chiuse con 2/3 strati di  stagnola, rimangono praticamente perfette x molti mesi, forse il non riciclo di aria aiuta???
Comunque è  un problema  che dobbiamo risolvere, è qualche idea si sta già  facendo strada Thumbs up
avatar
Antunna
Utente Esperto
Utente Esperto

Data d'iscrizione : 05.03.17
Età : 64

Torna in alto Andare in basso

Re: conservazione dello spawn

Messaggio Da Simone il Mar 2 Gen 2018 - 21:54

Buona sera amici !!!! Vi ringrazio tutti per i vostri interventi e sopratutto dei consigli e le tecniche che ognuno di voi è solito usare .Questo pomeriggio , sono passato nella ditta che produce ballette , visto che uno dei titolari è molto a modo e sopratutto gli piace farsi qualche chiacchierata sui funghi,( penso anche di essergli simpatico )ho posto a lui la domanda che ho rivolto anche a voi . Partendo dal fatto che loro come logico adoperano spawn industriale, (le tipiche bottiglie da 2,5 lt e altre varie tipologie di grosse buste contenenti lo spawn) molto gentilmente mi ha portato a vedere dove tengono stoccati i quintali di spawn . Non ci credevo cella frigorifera dedicata ( penso 50/60 mq ) e sul display esterno la cella temp 2,5 gradi . Avrei voluto fare una foto ma la mia simpatia non è ancora cosi esilarante probabilmente , scherzi a parte capisco i segreti professionali . Lui mi diceva che loro lo spawn lo tendono a temp cosi basse perché già a 4/5 gradi il micelio sopratutto pleurotus ha ancora una attività che ne riduce i tempi dello stoccaggio . Mentre a 2,5 si rallenta molto di più e si guadagnano anche 2 mesi in più prima che nelle bottiglie o buste incominci a comparire del giallognolo tipico degli essudati . ORA vi chiedo amici miei , questa loro teoria può trovare una valida soluzione anche per noi ? Premetto due cose :
1) tengono a 2,5 gradi tre tipi di spawn e cioè , pleurotus ostreatus, pioppino , eryngii .
2) secondo loro a 2,5 gradi si passa ad una conservazione di quasi 6 mesi contro i 3mesi dei 4/5 gradi del comune frigo domestico .BUONA SERATA A TUTTI E GRAZIE !!!!!!!! Don't know Thumbs up Shaking Hands
avatar
Simone
*Utente*
*Utente*

Data d'iscrizione : 05.03.17
Età : 44

Torna in alto Andare in basso

Re: conservazione dello spawn

Messaggio Da MaX il Mar 2 Gen 2018 - 22:20

La soluzione, se viene utilizzata industrialmente, sarà sicuramente valida.
Riducendo al massimo le temperature, sicuramente si va a bloccare il metabolismo del micelio, ma che tipo di freddo è???
Sicuramente controllano il grado di umidità della cella ... e tenderanno a livelli bassi, tipo quelli generati da un no frost.
Bisognerebbe indagare ancora un po'!!! tongue
avatar
MaX
Admin Fondatore
Admin Fondatore

Data d'iscrizione : 11.02.17
Età : 46

https://top-funghi.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: conservazione dello spawn

Messaggio Da Simone il Mar 2 Gen 2018 - 22:34

Ciao MAX !! ti dirò .... non ho potuto fare foto ma gli occhi, per quello che ho potuto, li ho usati .
1) non ho visto in tutto il perimetro ventole all'interno della cella ma solo un grigliato particolare dietro al quale penso ci sia stata la batteria raffreddata con sicuramente ventilazione a monte , così a prima vista salta all'occhio il non voler agitare ventilazione all'interno della cella.
2) il freddo che si poteva sentire a pelle ( per quel che vale come parametro ) era un freddo molto asciutto
3)tutte le scaffalature erano a circa 70/90 cm dai lati e intervallate da corridoi
questo è tutto quello che ho potuto valutare in 10 min  di permanenza !!
P:S il grigliato aveva sicuramente materiale filtrante che si intravedeva un po ma la distanza non mi ha permesso di valutare il tipo
avatar
Simone
*Utente*
*Utente*

Data d'iscrizione : 05.03.17
Età : 44

Torna in alto Andare in basso

Re: conservazione dello spawn

Messaggio Da MaX il Mar 2 Gen 2018 - 23:32

Hai visto già tanto, sei un grande Simo, 007 ti fa un baffo!! tongue
Questo trattamento però non vale per tutti gli strain, alcuni a quelle temperature si addormentano e non di risvegliano più! Neutral
avatar
MaX
Admin Fondatore
Admin Fondatore

Data d'iscrizione : 11.02.17
Età : 46

https://top-funghi.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: conservazione dello spawn

Messaggio Da Simone il Mer 3 Gen 2018 - 7:45

Infatti Max!! Quello che mi ha stupito è, passi magari per ostreatus, ma per pioppini ed eryngii?? Mi sa che ha fatto un po di strategia pure lui anche se cmq la produzione è cmq di tutti e tre i tipi di funghi almeno che non variano le temperature quando in cella inseriscono altri ceppi. Vedo se la sett prossima riesco a ripassare per chiedere... ( magari con l acquisto aimè di un barattolo di spawn ) di uno dei ceppi incriminati!!! Cool
avatar
Simone
*Utente*
*Utente*

Data d'iscrizione : 05.03.17
Età : 44

Torna in alto Andare in basso

Re: conservazione dello spawn

Messaggio Da MaX il Mer 3 Gen 2018 - 19:02

tongue Thumbs up
avatar
MaX
Admin Fondatore
Admin Fondatore

Data d'iscrizione : 11.02.17
Età : 46

https://top-funghi.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: conservazione dello spawn

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum