___Sostieni il Forum___
Ultimi argomenti
» Primi test spawn
Ieri alle 21:46 Da Marco100

» Micelio champignon
Ieri alle 18:48 Da Marco100

» Filtro HEPA
Ieri alle 14:54 Da MaX

» Procedura corretta per utilizzare spawn disidratato
Dom 12 Ago 2018 - 14:46 Da MaX

» Buste in PP con filtri
Sab 11 Ago 2018 - 20:46 Da Marco100

» Faggio: Pellet, segatura e cippato introvabili!
Sab 11 Ago 2018 - 13:25 Da Antunna

» Pleurotus pulmonarius
Ven 10 Ago 2018 - 0:00 Da Lonewolf

» Pleurotus citrinopileatus
Gio 9 Ago 2018 - 15:04 Da Lonewolf

» Pleurotus ostreatus su petri
Sab 4 Ago 2018 - 20:39 Da Marco100

» Piccoli Pleurotus
Ven 3 Ago 2018 - 6:20 Da Antunna

» Micelio blue oyster su petri contaminato
Mer 1 Ago 2018 - 21:59 Da Marco100

» P.osteatus e casing ?!?!
Mer 1 Ago 2018 - 21:32 Da Marco100

» Pleurotus Djamor su petri
Mer 1 Ago 2018 - 16:51 Da MaX

» Può essere una buona idea
Mer 1 Ago 2018 - 16:49 Da MaX

» Pleurotus Ostreatus con shock termico
Mer 1 Ago 2018 - 16:44 Da MaX

I postatori più attivi della settimana
MaX
 
Marco100
 
Rossazzurro46
 
Zlorfik
 

Statistiche
Abbiamo 86 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Angelo93

I nostri membri hanno inviato un totale di 7756 messaggi in 687 argomenti

tindalizzazione

Andare in basso

tindalizzazione

Messaggio Da Eselvi il Mer 22 Nov 2017 - 9:13

Ciao a Tutti,
leggendo i vari post, oltre che pastorizzazione e sterilizzazione compare tra le varie tecniche anche la tindalizzazione.
Sono interessato a sapere  chi segue questa tecnica e relativi risultati.
Questo perchè anche sullo sterilizzato  ( 3 ore a 15 PSI per ballette da circa 2.5 kg) saltuariamente mi compare il trichoderma Sad . Ovviamente non posso escludere a priori che possa essere un problema di insufficiente sterilizzazione o di contaminazione durante la fase di inoculo, ma devo considerare anche la possibilità che nella fase di sterilizzazione, le spore del tricoderma riescano a sopravvivere, germinando poi in fase di incubazione ( questo mi accade solitamente dopo una settimana a 24°C). Se così fosse con la tindalizzazione forse il problema sarebbe risolto....che ne pensate?
Ciao

Eselvi
Utente
Utente

Data d'iscrizione : 18.04.17

Torna in alto Andare in basso

Re: tindalizzazione

Messaggio Da Lonewolf il Mer 22 Nov 2017 - 11:08

Fermo restando che la tindalizzazione come metodo per sterilizzare è un sistema validissimo, se la contaminazione capitasse a me (e qualche volta è capitata Sad ), prima di cambiare metodo valuterei tutto quello che segue la fuoriuscita della balletta dalla pentola, vedi post di Max: [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] Smile
avatar
Lonewolf
**Utente**
**Utente**

Data d'iscrizione : 06.03.17

Torna in alto Andare in basso

Re: tindalizzazione

Messaggio Da Antunna il Mer 22 Nov 2017 - 12:14

Ciao concordo in Pieno  con Lonewolf.la tindalizzazione  è un ottimo sistema   e ti posso garantire che funziona alla grande . Però penso che il tuo problema  lo devi ricercare  nel tuo ( come dicono nei telefilm polizieschi) modus operandi. Con 3 ore di sterilizzazione  non dovresti aver probblemi di sorta .Oltre cio che ti ha suggerito Lonewolf , io aggiungerei  anche una mia esperienza molto recente     che mi ha fatto eliminare 1 ,,di due ballette  preparate in contemporanea  .in una delle due  alcuni pezzetti di cippato  mi avevano fatto dei piccolissimi forellini   dando il via alla contaminazione.


Ultima modifica di Antunna il Mer 22 Nov 2017 - 12:19, modificato 1 volta
avatar
Antunna
Utente Esperto
Utente Esperto

Data d'iscrizione : 05.03.17
Età : 63

Torna in alto Andare in basso

Re: tindalizzazione

Messaggio Da MaX il Mer 22 Nov 2017 - 12:15

La domanda che ci si deve porre parlando di sterilizzazione ed i vari accorgimenti da prendere prima e dopo questo trattamento termico.

"Siete sicuri che il substrato, prima di sterilizzare sia completamente e ripeto completamente idratato??"

Vi faccio un esempio grossolano, prendiamo un  porzione di legno, la reidratiamo per un tempo T,  siamo sicuri di essere arrivati al cuore della porzione?
Se il materiale non é completamente idratato, sottoponendolo a sterilizzazione, ricordo in media 121ºC,  si andrà a trattare solo la parte idratata, mentre quella disidratata per riuscire ad avere lo stesso risultato bisognerebbe avere temperature intorno ai 190°C prolungando di molto anche il T di esposizione.
E sono sicuro che ci siamo intesi, se il tutto lo ipotizziamo in piccolo sul substrato, segatura, paglia o quello che sia ... Cool

Poi possiamo anche parlare della tindalizzazione, che per me é un altro metodo valido!
avatar
MaX
Admin Fondatore
Admin Fondatore

Data d'iscrizione : 11.02.17
Età : 46

https://top-funghi.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: tindalizzazione

Messaggio Da Lonewolf il Mer 22 Nov 2017 - 18:49

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ha scritto:La domanda che ci si deve porre parlando di sterilizzazione ed i vari accorgimenti da prendere prima e dopo questo trattamento termico.

"Siete sicuri che il substrato, prima di sterilizzare sia completamente e ripeto completamente idratato??"

Vi faccio un esempio grossolano, prendiamo un  porzione di legno, la reidratiamo per un tempo T,  siamo sicuri di essere arrivati al cuore della porzione?
Se il materiale non é completamente idratato, sottoponendolo a sterilizzazione, ricordo in media 121ºC,  si andrà a trattare solo la parte idratata, mentre quella disidratata per riuscire ad avere lo stesso risultato bisognerebbe avere temperature intorno ai 190°C prolungando di molto anche il T di esposizione.
E sono sicuro che ci siamo intesi, se il tutto lo ipotizziamo in piccolo sul substrato, segatura, paglia o quello che sia ... Cool

Poi possiamo anche parlare della tindalizzazione, che per me é un altro metodo valido!

Molto interessante e valido (come al solito) Max il tuo intervento sull'idratazione, sono cose che si fanno per consuetudine ma sulle quali spesso non si riflette, aver focalizzato l'attenzione su questo punto è importante: si sta attenti a non bagnare troppo il substrato per paura dell'eccessiva umidità, è vero, ma la quota di umidità deve essere uniformemente ripartita in tutto il substrato, pena la non completa sterilità in barba alle ore in pentola-autoclave Thumbs up
avatar
Lonewolf
**Utente**
**Utente**

Data d'iscrizione : 06.03.17

Torna in alto Andare in basso

Re: tindalizzazione

Messaggio Da Superbarros76 il Mer 22 Nov 2017 - 18:55

buona sera

acc io sono fermo alla pastorizzazione
dovrei fare un corso di aggiornamento
avatar
Superbarros76
Utente
Utente

Data d'iscrizione : 10.03.17
Età : 42

Torna in alto Andare in basso

Re: tindalizzazione

Messaggio Da Antunna il Mer 22 Nov 2017 - 19:57

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ha scritto:buona sera

acc io sono fermo alla pastorizzazione
dovrei fare un corso di aggiornamento

È gia ultimamente sei un pò distratto ,,, ti ci vuole una bella cura a base di funghi hahahah Thumbs up Shaking Hands
avatar
Antunna
Utente Esperto
Utente Esperto

Data d'iscrizione : 05.03.17
Età : 63

Torna in alto Andare in basso

Re: tindalizzazione

Messaggio Da MaX il Mer 22 Nov 2017 - 20:15

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ha scritto:buona sera

acc io sono fermo alla pastorizzazione
dovrei fare un corso di aggiornamento
Ciao Marco, Ti dobbiamo per forza fare un UPDATE!!!! Laughing
avatar
MaX
Admin Fondatore
Admin Fondatore

Data d'iscrizione : 11.02.17
Età : 46

https://top-funghi.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: tindalizzazione

Messaggio Da Simone il Mer 22 Nov 2017 - 21:02

Concordo con voi amici!  L importanza di una buona idratazione e, anche il contrario sono parametri che a volte possono determinare fallimenti o successi! Shaking Hands
avatar
Simone
*Utente*
*Utente*

Data d'iscrizione : 05.03.17
Età : 44

Torna in alto Andare in basso

Re: tindalizzazione

Messaggio Da MaX il Mer 22 Nov 2017 - 21:10

Io per esperienza e per me è un formula vincente, mescolo i vari ingredienti del substrato idratandoli con abbondante acqua molto calda, lascio riposare per qualche ora(3/4) poi rimescolo il tutto bene, energicamente, ancora una volta.
Poi imbusto o inscatolo e via in sterilizzazione nel canner! Very Happy
avatar
MaX
Admin Fondatore
Admin Fondatore

Data d'iscrizione : 11.02.17
Età : 46

https://top-funghi.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: tindalizzazione

Messaggio Da Eselvi il Gio 23 Nov 2017 - 7:08

Ciao e grazie a tutti per le risposte
riconsidererò le mie procedure. Cmq ieri ho fatto un paio di ballette di eringii ed ho proceduto cosi:
-idratato pellet di paglia al 60% con acqua calda 12 ore con aggiunta del 10% di crusca
-idratato paglia e cippato   12 ore per immersione in un secchio poi  12 ore a scolare in una federa (rispettivamente 25%  paglia  e 25%cippato del peso complessivo secco)
-mescolato con cura in più volte;imbustato e messo in canner x 3 ore
Oggi inoculo e vedremo
Ciao e grazie

Eselvi
Utente
Utente

Data d'iscrizione : 18.04.17

Torna in alto Andare in basso

Re: tindalizzazione

Messaggio Da MaX il Gio 23 Nov 2017 - 10:17

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ha scritto:Ciao e grazie a tutti per le risposte
riconsidererò le mie procedure. Cmq ieri ho fatto un paio di ballette di eringii ed ho proceduto cosi:
-idratato pellet di paglia al 60% con acqua calda 12 ore con aggiunta del 10% di crusca
-idratato paglia e cippato   12 ore per immersione in un secchio poi  12 ore a scolare in una federa (rispettivamente 25%  paglia  e 25%cippato del peso complessivo secco)
-mescolato con cura in più volte;imbustato e messo in canner x 3 ore
Oggi inoculo e vedremo
Ciao e grazie
Molto bene! Io inoltre per verificare e non avere eccessi d'acqua, imbusto il substrato reidratato previa strizzata con le mani, una manciata per volta, tanto per essere sicuro.
avatar
MaX
Admin Fondatore
Admin Fondatore

Data d'iscrizione : 11.02.17
Età : 46

https://top-funghi.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: tindalizzazione

Messaggio Da Anghelo il Gio 23 Nov 2017 - 14:08

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ha scritto: ... lascio riposare per qualche ora(3/4)...

Cosa vuol dire? Le 3/4 ore si riferiscono all'ammollo o allo scolo?
avatar
Anghelo
*Utente*
*Utente*

Data d'iscrizione : 08.03.17
Età : 46

Torna in alto Andare in basso

Re: tindalizzazione

Messaggio Da MaX il Gio 23 Nov 2017 - 19:57

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ha scritto:
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ha scritto: ... lascio riposare per qualche ora(3/4)...

Cosa vuol dire? Le 3/4 ore si riferiscono all'ammollo o allo scolo?
Mi riferivo alla fase di ammollo. Very Happy
avatar
MaX
Admin Fondatore
Admin Fondatore

Data d'iscrizione : 11.02.17
Età : 46

https://top-funghi.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: tindalizzazione

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum